Viaggio in Uzbekistan, sulle antiche rotte carovaniere

IMG_5710

La madrasa di Mir-i-Arab – Buchara

L’Uzbekistan è forse il paese dell’Asia Centrale più semplice da visitare, lontana dalle follie burocratiche del Turkmenistan, molto meno remota di Tagikistan e Kirghizistan e forse meno dispersiva del Kazakistan. Oltre ad essere relativamente facile da raggiungere, l’Uzbekistan ha moltissimi luoghi che vale la pena visitare, sia che rimandino all’antica Via della Seta sia che invece si riferiscano ad un passato più recente, come quello in cui il paese fu parte della disciolta Unione Sovietica. Samarcanda e Buchara sono le città più evocative, ma in Uzbekistan c’è davvero molto altro. Un viaggio che va fatto.

Il passaggio della Via Seta per le città uzbeke ha reso il paese un importante crocevia tra l’Occidente e l’Oriente, dando all’arte, all’architettura ed alla cultura dell’Uzbekistan un taglio particolare ancora oggi riscontrabile. I musei uzbeki sono ricchissimi di reperti ed assolutamente di valore, imperdibili per chi voglia visitare il paese. Un museo particolare è quello dedicato ad Igor Savitsky che si trova a Nukus, la capitale del Karakalpakstan, di cui abbiamo già scritto su questo blog. Insieme alla regione del Khorezm, il Karakalpakstan costituisce la parte del nord dell’Uzbekistan, una regione con molti spunti d’interesse.

IMG_5722

Il Registan – Samarcanda

Il turismo in questa regione è in costante crescita, sia per l’importanza dei resti dell’antica città di Khiva, dopo Samarcanda e Buchara il terzo centro turistico del paese, sia per i sempre più diffusi tour a tema ambientale. Nel nord dell’Uzbekistan si trova infatti uno dei più grossi drammi ecologici del pianeta, ossia il lago Aral, ormai diventato un ammonimento contro l’uso scriteriato delle risorse ambientali; sulle sue coste si trova anche il cimitero delle navi di Muynak. Altra meta in crescita è la città di Urgench, che ha beneficiato dell’ammodernamento del suo aereoporto.

IMG_5701

La moschea di Kalyan – Buchara

Nella parte centrale dell’Uzbekistan le vie turistiche si concentrano per lo più lungo il confine con il Turkmenistan, dove le strade corrono tra due deserti: il Karakum turkmeno ed il Kyzylkum uzbeko. Qui si trova Buchara, città tra le più antiche dell’Asia Centrale e patrimonio dell’UNESCO. Tra i monumenti più famosi troviamo l’Ark, la celebre fortezza, il minareto di Kalon ed il mausoleo di Ismail Samani. Di particolare interesse anche il Gijduvan, da secoli luogo dove gli artigiani vendono i loro meravigliosi manufatti, qui potrete fare davvero degli ottimi acquisti.

IMG_5744

Mausoleo di Gur-Emir – Samarcanda

Ma non si può parlare di Uzbekistan senza parlare di Samarcanda, una delle città più famose al mondo. Situata ai confini della zona centrale, da Samarcanda si parte verso la valle di Fergana oppure il sud del paese, regioni più aspre ma non meno dotate di fascino. Elencare tutti i monumenti della millennaria Storia di Samarcanda è impresa impossibile, basterà citare il complesso del Registan ed il mausoleo di Gur Emir per evidenziare come la città che fu sede dell’impero di Tamerlano possieda un patrimonio ineguagliabile ed unico, assolutamente da visitare.

IMG_5712

L’ingresso di un mercato – Buchara

La Valle di Ferghana si incunea tra Tagikistan e Kirghizistan, dove le enclave costellano dei confini spesso turbolenti. L’ambiente qui è montuoso (il Greater Chimgan raggiunge i 3309 metri sul livello del mare) rendendolo adatto agli amanti delle scalate, del trekking e delle passeggiate a cavallo. Nella Valle di Ferghana diverse etnie convivono in rapporti non sempre facili. In questa zona troviamo le antiche città di Kokand e Ferghana ma anche la moderna capitale Tashkent. Gli amanti del turismo culturale troveranno nella Valle di Ferghana numerosi motivi per apprezzarla come merita.

IMG_5750

In corsa verso la Valle di Fergana

Se vuoi scoprire i nostri tour della durata di una o due settimane scrivici, abbiamo a disposizione anche un tour in treno della durata di 8 giorni, perfetto per andare alla scoperta della gastronomia uzbeka ed avvicinarsi alla vita quotidiana del popolo uzbeko.

Per ogni informazione sui visti necessari consulta questa pagina, mentre qui puoi cercare i voli.

Infine se qualcuno vuole leggere le mie impressioni su queste zone può leggere il mio libretto.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicita’. Non puo’ pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai senso della legge num. 62 del 7/3/2001. Ogni opinione espressa su questo sito e’ il punto di vista dell’autore espresso secondo l’articolo 21 della costituzione italiana “Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto ed ogni altro mezzo di diffusione”. Le mail con le quali inviate commenti verranno raccolte e trattate ai sensi dell’articolo 196/2003 sulla privacy. Le mail non verranno vendute a terzi.
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: