Lo Yunnan: una terra di confine

17542364520_68b6428d1f_z

Tra Yunnan e Sichuan

Viaggiare in Cina non è semplice, le difficoltà a cui si va incontro sono molte, a partire da quelle linguistiche. Tuttavia un viaggio in Cina è altamente consigliato per superare un immaginario, spesso indotto, che non corrisponde alla realtà; un po’ come avevamo scritto tempo fa a proposito dell’Iran. Una delle zone cinesi più visitate è sicuramente lo Yunnan, una regione che ben racchiude molte tra le complessità della Cina, dove si possono trovare ambienti diversissimi e dove si possono anche ritrovare analogie con zone all’apparenza molto diverse e lontane, ad esempio la regione autonoma del Xinjiang. Altro

Mangiando sulla Via della Seta, la cucina dell’Asia Centrale

Shashlik

Shashlik, uno dei piatti più diffusi dell’Asia Centrale

Uno dei pregiudizi più diffusi sull’Asia Centrale è quello relativo alla sua cucina, che sarebbe monotona, pesante e basata esclusivamente sulla carne. In effetti, viaggiare in questa parte del mondo significa non avere troppi scrupoli in fatto di cibo, il montone è meglio farselo piacere o si richierà di restare senza pranzo… e cena… e colazione! A parte gli scherzi non bisogna dimenticare che i popoli dell’Asia Centrale, sebbene con importanti eccezioni, sono di tradizione nomade, il che si riflette anche sulla cultura gastronomica. Non deve quindi stupire l’importanza della carne nella cucina dell’Asia Centrale. Altro

In Iran, tra le antiche capitali persiane

IMG_5623

Street view – Isfahan

Fino al 1935 l’Iran era conosciuto come Persia, nome che ancora oggi si può trovare nella provincia iraniana meridionale di Fars. Il territorio persiano, vero e proprio crocevia tra mondo arabo, Asia Centrale e Medio Oriente, ha visto nascere e svilupparsi alcuni tra i più grandi imperi della Storia, come quello Achemenide guidato da Ciro il Grande. La Persia aveva una cultura, una lingua ed una religione diverse da tutte quelle delle regioni circostanti. Questa unicità può essere trovata anche nell’attuale Iran, dove visitare le principali capitali persiane significa davvero fare un tuffo nel passato. Altro

A Journey into Xinjiang, in the footsteps of the screaming demons

18184900923_1df5f55104_z

Towards the Kizil Grottoes

There is no point in denying it; on this blog we love Xinjiang a lot and we have often written about it. This Chinese region links two very different civilizations: proper China and Central Asia. Xinjiang is perhaps one of the most evocative places around the world, for its History – of here the Silk Road passed – and for its being crossroad of peoples and cultures. Xinjiang is a region not so simple to travel in, but able to uncover a multitude of surprises to everyone adventuring in its discovery. On the routes of ancient caravans and treasure seekers, a land that will enter directly in your soul, overcoming it. Altro

L’Asia Centrale tra geopolitica e crisi economica

La tomba di Tamerlano – Samarcanda

Per capire l’importanza strategica dell’Asia Centrale basta osservare una qualunque cartina: confinante con due superpotenze come Russia e Cina, non lontana dall’India e dall’Europa, l’Asia Centrale si trova inoltre sul confine nord di una delle zone più calde del pianeta, ossia l’Afghanistan. Se poi passiamo ad analizzarne le risorse, non equamente distribuite al suo interno, ci renderemmo conto come il controllo di questa regione possa interessare a molti, nonostante gli aspetti, fisici e sociali dell’Asia Centrale rendano tale controllo una questione difficile e costosa. Altro

Oppio e vendetta, i nazionalisti cinesi nel Triangolo d’oro

Nei pressi di Chiang Rai – Triangolo d’oro

Dove finiscono i vinti della Storia? Semplice, nel Triangolo d’oro! A parte le facili battute, resta il fatto che le luci della ribalta spettano ai vincitori, soprattutto se a vincere sono i comunisti in Cina, guidati da un leader la cui fama pochi personaggi storici hanno eguagliato. Il Kuomintang, ossia il parito dei nazionalisti cinesi, fu il grande sconfitto di quella guerra civile durata decenni, eccezion fatta per una tregua utile a combattere insieme l’invasore giapponese. Di quegli anni un museo molto interessante e con aspetti unici si trova a Tengchong, una bella cittadina cinese non lontana dal confine con la Birmania. Altro

La Mongolia, sempre più povera e lontana?

L’enorme statua di Gengis Khan – Tsonjin Boldog

Pochi paesi hanno il potere evocativo della Mongolia, chi l’ha visitata sa come questo paese sia caratterizzato da orizzonti infiniti, apparentemente senza fine. In Mongolia si può davvero ascoltare il vento e toccare con mano la natura in tutta la sua potenza, ma la Mongolia non è solo una cartolina o un video da mostrare agli amici, la Mongolia è anche un paese difficile, dove la parte di popolazione ancora nomade conduce una vita estenuante,  mentre nella capitale – di fatto l’unica vera città del paese – vive una classe media occidentale. Ma la Mongolia è anche un paese che rischia la crisi. Altro

A journey into Turkmenistan: the hidden madness of Central Asia

IMG_5665

Ashgabat – A view of the city centre

There are places surrounded by an aura of legend. Places calling to mind confused pictures when named, as if their existence was not real; one of these places is Turkmenistan. Speaking about Central Asia to mention this country is often a way to impress the interlocutor, but who travelled there knows Turkmenistan is really more than a catchy name: is a wonderful country where the contradictions of Central Asia blow up under the sun making the Karakum Desert red-hot. Wherever you go, in Turkmenistan you are pressed by the desert and the burocracy, nowadays a spoof of the past Soviet control. Here mankind and nature flaunt their excesses. Altro

Storie dall’Afghanistan, per caso e per amore

IMG_5817

Villaggio afghano visto dal Tagikistan

Esiste il destino? Non lo so, ma so che esiste l’Afghanistan. Uno di quei paesi spesso violentati dai mass media più ancora che dalla Storia. Ormai per molte persone, quelle che non hanno tempo o voglia di conoscere troppo il mondo in cui vivono, Afghanistan è sinonimo di Talebani (ancora oggi confusi con l’ISIS), guerra e donne infilate in un burqa. In realtà scavando tra i comodi, soprattutto per i giornalisti, stereotipi si scopre che questo paese è meraviglioso ed ha un passato importante ed affascinante,  diciamo che basta poco per innamorarsi dell’Afghanistan. Altro

Il futuro del potere: l’Asia Centrale ed il problema della successione

5730563311_2f3e5cec2e_b

Monumento all’ex-presidente Niyazov – Turkmenistan

Parafrasando Karl Marx, potremmo dire che oggi uno spettro si aggira per l’Asia Centrale: lo spettro della vecchiaia, quella dei suoi leader. Quattro delle cinque repubbliche centroasiatiche sono ormai alle prese con il problema della successione presidenziale, il più importante ruolo di potere. Un problema che mette a nudo alcuni dei limiti più grandi degli Stati nati dalla dissoluzione dell’Unione Sovietica, limiti non ancora risolti e portatori di incognite molto rilevanti. Capire chi prenderà il posto degli attuali leader è una questione non semplice, dove i fattori in gioco sono numerosi. Altro

Voci precedenti più vecchie

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicita’. Non puo’ pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai senso della legge num. 62 del 7/3/2001. Ogni opinione espressa su questo sito e’ il punto di vista dell’autore espresso secondo l’articolo 21 della costituzione italiana “Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto ed ogni altro mezzo di diffusione”. Le mail con le quali inviate commenti verranno raccolte e trattate ai sensi dell’articolo 196/2003 sulla privacy. Le mail non verranno vendute a terzi.
Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Segui assieme ad altri 225 follower