L’Iran è un paese molto grande, il diciottesimo al mondo per estensione, con la conseguenza che le diverse regioni che lo compongono hanno spesso un proprio clima. Il nord ed il nordovest sono caratterizzati da inverni rigidi, mentre il sud ha estati torride, tuttavia non ci sono fenomeni naturali estremi come tifoni, tornadi o condizioni proibitive. Per questo motivo potrai visitare l’Iran tutto l’anno, andando alla scoperta dei suoi luoghi meravigliosi: antichi siti, moschee, giardini, antichi mercati e paesaggi incredibili. Ognuno riuscirà a trovare in Iran di che essere soddisfatto, scegliendo la parte dell’anno più adatta ai suoi gusti.

Le stagioni iraniane sono quattro, ognuna caratterizzata da proprie mete. Sia che tu preferisca il clima freddo di Shahr-e Kord e Tabriz, sia che invece desideri il caldo tropicale delle isole di Qeshm e Kish, in Iran avrai modo di praticare moltissime attività diverse durante l’intero arco dell’anno in pieno relax, godendo dei festival culturali e delle occasioni di festa in cui andare alla scoperta della squisita cucina iraniana. Di fatto non esiste un periodo migliore per viaggiare in Iran, sebbene durante il periodo di alta stagione può essere più difficoltoso trovare una sistemazione, di seguito alcuni luoghi imperdibili per ogni stagione.

Primavera

La primavera in Iran dura all’incirca dalla fine di marzo sino alla fine di giugno, il clima è piacevole e le temperature si alzano mentre le piogge abbondanti sono rare. Di fatto la primavera è il mese migliore per visitare l’Iran. La prima parte di marzo può ancora essere un po’ fredda ma già da metà mese la temperatura ad Isfahan si aggira sui 15 gradi. Marzo è anche il mese della più importante festa iraniana, il Nowruz, quando la popolazione ha quindici giorni di ferie, il che significa che è anche il periodo più affollato dell’anno, dove i prezzi salgono e le camere libere scendono, ma passata la festa tutto torna come prima.

Autunno

L’autunno è un altro grande periodo dell’anno per visitare l’Iran, le temperature scendono ma restano calde al sud e piacevoli al centro ed al nord. Le folle si diradano e quasi spariscono verso la fine di settembre quando le scuole riaprono. I prezzi invece tendono a scendere e viaggiare in Iran diventa particolarmente economico, anche grazie al fatto che la mancanza di festività nei mesi seguenti crea di fatto una situazione di bassa stagione di cui non puoi che approfittare. L’assenza di forti piogge e la disponibilità di mezzi con cui girare per il paese rendono questo periodo dell’anno particolarmente adatto.

Dove andare in primavera ed in autunno in Iran

Queste due stagioni sono ideali se desideri visitare le principali mente del paese come Ishfahan, Tabriz, Teheran, Yazd e Kashan per ammirarne i monumenti, i siti archeologici che rimandano al glorioso passato persiano oppure gli straordinari giardini. Primavera e autunno sono poi le stagioni dell’anno migliori per fare l’esperienza di conoscere i deserti iraniani come il Dasht-e Kavin ed il Dasht-e Lut. Percorrendo le antiche rotta carovaniere persiane potrai godere del silenzio, della calma e della tranquillità delle distese desertiche, ammirando le albe ed i tramonti, ammirando il cielo stellato sorseggiando del tè ristoratore.

Prenota on line il tuo albergo in Iran con 1STQUEST

Estate

L’estate iraniana va dalla fine di giugno alla fine di settembre, le temperature si alzano e viaggiare, soprattutto nel sud, può diventare stancante. Più tollerabili in estate sono le coste meridionali del Mar Caspio, con le province di Guilan, Mazandaran e Golestan, oppure le aree del nordovest del paese dove troverai foreste e spettacolari panorami. Qui infatti il clima è caratterizzato da temperature più miti che ti permetteranno di godere del tuo viaggio in Iran anche se non sei un amante del caldo. I prezzi in questo periodo dell’anno sono ancora bassi ed ovviamente il turismo interno si concentra dove il clima è migliore.

Dove andare in estate in Iran

Come detto, i luoghi migliori da visitare in estate si trovano nelle provincie meridionali ed in quelle nordoccidentali, una fascia di territorio che dal confine si snoda attraverso la catena dei monti Elborz fino a raggiungere le coste caspiche. Gli amanti della natura e della fotografia troveranno un vero paradiso intorno alle città di Rasht, Anzali, Lahijan, Babol, Sari, Chaloos e Ramsar dove ti aspettano antichi villaggi, foreste circondate dalla nebbia e paesaggi davvero suggestivi. Se poi ti stancherai di ammirare le cime innevate, potrai sempre optare di trasferirti, magari viaggiando in bus, verso le più belle spiagge dell’Iran.

Parti assicurato per l’Iran con WorldNomads

Inverno

Da fine dicembre a fine marzo in Iran è inverno, le temperature dell’altopiano centrale si fanno prossime allo zero, per esempio a Teheran la media di gennaio è di circa 2 gradi, mentre le nevicate sono molto probabili, così come i giorni di pioggia. Le giornate si fanno corte ed il sole tramonta intorno alle cinque del pomeriggio, sembra un pessimo periodo per visitare l’Iran, fatta eccezione per il sud del paese dove la temperatura si mantiene sopra i quindici gradi, eppure questa stagione dell’anno è particolarmente favorevole se ami sciare. Dicembre è poi il mese in cui si festeggia lo Shab-e Chelleh, il solstizio d’inverno.

Dove andare in inverno in Iran

Se non ami il freddo non esitare a dirigerti verso sud, dove potrai scoprire le isole del golfo, come le poco note isole Naz, le aree protette e le tradizioni culturali della zona. In questa regione dell’Iran Qeshm e Kish, famose tra gli amanti dell’ecoturismo, sono le destinazioni più popolari. Se invece preferisci mettere gli sci ai piedi non devi mancare l’appuntamento con Dizin, il più grande resort sciistico dell’Iran, situato ad oltre duemila metri sui monti Alborz e provvisto di numerosi hotel e cottage in cui alloggiare. Facilmente accessibili dalla capitale sono anche le piste di Shemshak, che soddisferanno anche gli sciatori più esperti.

Visitare l’iran durante le feste religiose

Il Ramadan cade il nono mese del calendario islamico, non essendo parte del calendario persiano cambia le sue date ogni anno. I fedeli in questo periodo digiunano quindi potresti avere difficoltà nel trovare dei ristoranti aperti. Gli stranieri non sono soggetti al digiuno, quindi ricorda di mangiare con discrezione e non pubblico per rispetto di chi sta seguendo le regole religiose. Altra festa importante è Muharram, anche in questo caso le date non sono fisse, in cui si ricorda la battaglia di Kerbala. Quando viaggi in Iran ricorda di vestire un abbigliamento adeguato, soprattutto nei periodi delle festività religiose. Buon viaggio in Iran!

Fonte immagine: Surfiran.com