Alti muri e grandi muraglie, la paura del diverso ed i miti identitari

IMG_6486

Grande Muraglia – Nessun muro è per sempre

Niente da fare, su questo blog le questioni identitarie piacciono e parecchio. In fondo anche il viaggio, nella sua essenza più profonda, è una questione indentitaria visto che chi viaggia non è più quello che ha lasciato ma non è nemmeno quello che ha trovato. Il viaggio è un limbo, esattamente come è un limbo il periodo storico in cui viviamo, dove la mancanza di narrazioni rende incomprensibile il presente, non vedendo i profondissimi processi identitari in corso che il terrorismo, islamico o meno, ha solo estremamente velocizzato. Viviamo in un’epoca di confusione, rinchiudere e rinchiudersi diviene norma.

Procediamo con ordine. In principio fu il consumatore, figura creata per illudere le masse con il benessere disgregando i legami sociali in nome del mito del possesso, ma erano tempi di vacche grasse. Con la crisi il consumatore è diventato un atomo sociale, legato (fino a che dura) al posto di lavoro per il benessere della società (ma la società composta da chi?). A collegare questi atomi forse solo la paura, sentimento grazie al quale lo schiavo salariato addirittura invoca l’intervento di chi lo ha messo in catene: rendimi povero ma proteggimi! Manca sempre più un sentimento identitario positivo che unisca questi atomi sociali in lotta.

Il grande successo del terrorismo è proprio questo, distruggere i sentimenti identitari che accomunano per gettare il nemico in una guerra di tutti contro tutti, per l’esigenza di fare fronte le società buttano fuori i diversi, coloro dei quali non ci si può completamente fidare; ma in un contesto disgregato non esiste in realtà nulla che accomuni gli autoproclamati “normali”. Solo un’allenza basata sulla paura e sul sospetto reciproco mentre, sempre in campo identitario, il terrorismo affascina gli esclusi, coloro che non trovano risposte in una società, la nostra, basata sulla competizione e sul successo a tutti i costi.

Il caso della strage di Orlando è esemplare, loro (le vittime) erano i diversi per eccellenza, coloro che non procreano ossia non forniscono nuovi soldati per la guerra in corso. Un gay è molto più di un nemico, è un disertore, la guerra esige combattenti. Per i morti di Orlando il silenzio, loro non meritano l’orgasmo dei media che invece è stato devastante con i morti del Bataclan. Il locale di Orlando è una sodoma da nascondere, come se nei cessi del Bataclan, e di qualunque locale dove si divertono i “normali”, si recitasse il rosario. Per una volta l’ISIS non è stato così nemico, giusto per una volta. Forse nemmeno è stato l’ISIS…

Di fronte a tutto questo, di fronte alla mancanza di ideali che uniscono bisogna difendersi ed ecco i muri, questo grande mito che esiste da sempre. Ma i muri nascono per tenere fuori i loro o per tenere dentro i nostri? I muri servono davvero a qualcosa, sono mai serviti a qualcosa? Sono davvero una prova di forza o, piuttosto, un segno di debolezza? Tutte domande per la cui risposta non si che può andare ad investigare la storia del muro più famoso del mondo: la Grande Muraglia cinese. Una costruzione, questa, che fa letteralmente parte del mito identitario della nazione cinese, nel bene e nel male.

Un libro molto interessante, La Grande Muraglia. Dalla storia al mito (disponibile in inglese) di Arthur Waldron è davvero illuminante, mostrando come in realtà non esista la Grande Muraglia che conosciamo, una costruzione accompagnata da lotte tra fazioni con diverse visioni del potere. Secondo alcuni i barbari andavano integrati nel sistema cinese, dando prova di forza eliminando i motivi – spesso commerciali – di scontro, secondo altri non si poteva permettere che si creasse una società mista che mescolasse popolazioni così diverse. Un dibattito che ricorda molto quanto avviene ai giorni nostri.

Waldron insegna poi come la visione della Grande Muraglia sia in continuo equilibrio tra positivo e negativo, una visione che cambia a seconda del momento storico. Nelle ballate popolari cinesi spesso la Grande Muraglia viene ritenuta una maledizione che ha ucciso un numero infinito di contadini, secondo le fonti ufficiali cinesi è stata invece un’opera nata dallo sforzo supremo di tutte le genti che compongono la Cina, basta recarsi al museo che si trova a Jiayuguan, nel Gansu, per rendersene conto. I muri possono sempre essere visti in due modi: un impedimento all’accesso, ma anche un ostacolo alla fuga.

Una Grande Muraglia, quindi, figlia di una sorta di impasse, riscoperta solo in tempi abbastanza recenti e secondo visioni altrui, come mostra l’autore confrontando fonti cinesi ed occidentali. L’altro quindi come elemento fondamentale nella propria costruzione identitaria nel momento in cui questa si rivela debole, proprio come successo in Cina durante l’assalto delle potenze occidentali alla “terra di mezzo”. Nella nostra società è il pensiero unico -teocratico o meno che sia – che assalta le differenze culturali, con risposte scomposte e confuse, creando una molteplicità di linee di frattura.

Ai nostri giorni tutti invocano muri, ogni gruppo sociale esige il suo isolamento che crede protettivo, ma prima o poi i muri crollano e si rimane schiacchiati dal peso della propria diffidenza. Proprio quello che i terroristi vogliono, forse quello che vogliono anche coloro che i terroristi dicono di combattere, per il nostro bene. Tutto sembra maledettamente difficile, ma la scelta non può limitarsi alla scelta del lato del muro, oggi più che mai si devono cercare altre strade che non separino, ma che includano, come i mercati in cui barbari e cinesi commerciavano, con qualche imbroglio ma commerciavano; faccia a faccia.

Annunci

2 commenti (+aggiungi il tuo?)

  1. mirkhond
    Giu 17, 2016 @ 19:56:32

    Ciò che dici, conferma la costante umana del bisogno umano e contraddittorio, dell’assimilazione delle differenze in un’unica cultura dominante e nello stesso tempo di rimarcare le differenze per reazione alle omologazioni.
    Oggi tutto questo è ingintantito in una dimensione planetaria, grazie alla tecnologia che ravvicina idee e orientamenti culturali, in maniera più veloce e più vasta, rispetto al passato.
    E ovviamente, anche le reazioni a tale globalismo diventano più incisive.
    Il bisogno di muri e del vallo che ci protegga dagli altri che non riconosciamo come nostri, scaturisce proprio da tale reazione alla globalizzazione……

    Rispondi

  2. mirkhond
    Giu 17, 2016 @ 19:57:00

    ingigantito

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Flickr Photos

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: