Il Gur-e Amir rappresenta uno dei monumenti imperdibili di Samarcanda, la meta turistica più famosa dell’Uzbekistan. La sua costruzione iniziò nel 1403, sui resti di un edificio precedente, quando morì Muhammad Sultan erede designato al trono di Timur, ossia Tamerlano. Nel mausoleo oltre al celebre sovrano ed al suo mancato erede, riposano i figli Shah Rukh e Miran Shah, nonché l’altro nipote Ulug Beg. Dopo la sua morte Timur fu disturbato una prima volta nel 1740 quando il sovrano persiano Nadir Shah tentò di recuperarne i resti, fermato dalla rottura della pietra tombale letta come presagio di sventura, quindi nel 1941 quando archeologi sovietici ne ricomposero i tratti somatici partendo dal teschio. L’importanza di questo mausoleo sta anche nell’essere stato un modello architettonico per le successive tombe Moghul, tra cui il Taj Mahal di Agra, in India.

Annunci