La foto della domenica

IMG_5819

Gorno-Badakhshan – Tagikistan

Questo cartello sperduto tra i monti del Tagikistan ci riporta ad un passato recente di questo paese centroasiatico, vale a dire gli anni della guerra civile. Subito dopo dopo l’indipendenza, a seguito del crollo dell’Unione Sovietica, il Tagikistan venne a trovarsi in una profonda crisi politica dove diversi clan tentarono di impadronirsi del potere scalzando il vecchio nucleo dirigente. Anche le genti del Pamir erano una delle fazioni in lotta, ed il Gorno-Badakhshan fu addirittura proclamato indipendente, diventando un bastione dell’opposizione. La guerra civile durò dal 1992 al 1997, sebbene gli anni peggiori furono i primi, e costò la vita a quasi 100mila persone. Qualche informazione per approfondire il tema può essere trovata qui.

2 commenti (+aggiungi il tuo?)

  1. mirkhond
    Nov 04, 2014 @ 17:45:59

    E oggi qual’è la situazione?
    Le genti, per lo più ismaelite del Gorno-Badakhshan che rapporto hanno col governo di Dushambè?
    E la Russia?
    Che ruolo vi gioca oggi?
    Mantiene ancora circa 25.000 uomini sulle frontiere con l’Afghanistan?

    Rispondi

    • Piotr
      Nov 04, 2014 @ 19:04:02

      Domande difficili. La Russia resta a presidiare il confine e non sembra avere intenzione di lasciare la regione. Col governo i rapporti non sono buoni, di tanto in tanto scontri tra polizia e abitanti locali. I fatti piu’ recenti e gravi a Khorog.

      Rispondi

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicita’. Non puo’ pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai senso della legge num. 62 del 7/3/2001. Ogni opinione espressa su questo sito e’ il punto di vista dell’autore espresso secondo l’articolo 21 della costituzione italiana “Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto ed ogni altro mezzo di diffusione”. Le mail con le quali inviate commenti verranno raccolte e trattate ai sensi dell’articolo 196/2003 sulla privacy. Le mail non verranno vendute a terzi.
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: