La foto della domenica

IMG_5686

Turkmenistan – La porta dell’inferno

Nel mezzo del deserto del Karakum uno dei simboli della progettazione sovietica, ossia un giacimento di gas che brucia ininterrottamente dal 1971. Tutto iniziò quando i sovietici decisero di trivellare questa zona del Turkmenistan (allora parte dell’URSS) in cerca di petrolio. Il suolo crollò lasciando libero sfogo ad un giacimento di gas sottostante. I tecnici sovietici decisero di dare fuoco al giacimento per eliminare la fonte di dannose esalazioni, convinti che il gas si sarebbe esaurito in pochi giorni, sono passati più di 40 anni… Oggi il cratere, le cui fiamme la notte sono visibili a grande distanza, è una delle mete più turistiche del Turkmenistan. Ironia della sorte vuole che che il villaggio più vicino al giacimento di gas si chiami Darvaza, che in turkmeno significa proprio porta!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicita’. Non puo’ pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai senso della legge num. 62 del 7/3/2001. Ogni opinione espressa su questo sito e’ il punto di vista dell’autore espresso secondo l’articolo 21 della costituzione italiana “Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto ed ogni altro mezzo di diffusione”. Le mail con le quali inviate commenti verranno raccolte e trattate ai sensi dell’articolo 196/2003 sulla privacy. Le mail non verranno vendute a terzi.
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: