Capitale dell’omonima provincia, Kratie giace placidamente sdraiata sul Mekong. Posta nel nord-ovest della Cambogia è storicamente un punto di transito verso l’est del paese, il confine con il Laos (a nord) e la capitale, Phnom Phen (sud-ovest). Anche oggi molti turisti vi passano velocemente, tuttavia questa bella cittadina merita di essere visitata con calma.

Kratie è estremamente rilassante, nonostante il turismo sia in crescita, con il suo lungofiume ricco di alberghi ricavati da ex edifici coloniali, stanze grandi, luminose e dalla vista molto bella a prezzi inferiori rispetto alle maggiori località turistiche della Cambogia. Sebbene spesso assuma un colore inquietante il Mekong resta un fiume affascinante, che di fatto unisce il Sud-Est asiatico passando per tutti gli stati che ne fanno parte, oppure a seconda dei punti di vista dividendolo, dato che spesso dei vari stati segna il confine.

In barca sul Mekong
In barca sul Mekong

In ogni caso Kratie è posta sulla riva orientale del Mekong, questo fa sì che dalla città si possano scorgere dei tramonti meravigliosi, forse tra i più belli personalmente visti in Asia. Il sole diventa una palla di fuoco che colora di rosso tutto il cielo nascondendosi dietro una grande isola posta al centro del grande fiume. L’ isola è raggiungibile da Kratie in 5-10 minuti di barca ed è perfetta per andare in bici o fare jogging, ed ospita diversi villaggi immersi nella vegetazione, un vero e proprio paradiso da scoprire con tutta calma.

Un villaggio sull'isola nel Mekong
Un villaggio sull’isola di fronte a Kratie

Ma Kratie è famosa anche per altro: i delfini di fiume, o Inie. Sebbene questo animale sia sempre più raro il Mekong ne ospita ancora alcuni esemplari, la cui colonia più numerosa si trova proprio nei dintorni. Il posto migliore per vedere i delfini è il villaggio di Kampi, circa 15 chilometri a nord di Kratie, facilmente raggiungibile anche in bicicletta tramite una strada sterrata, ma non eccessivamente complicata, che attraversa la foresta costeggiando il fiume. Una volta a Kampi si deve noleggiare una barca (costo circa 7$ all’ora) il cui barcaiolo vi porterà dove più probabile siano i delfini. La possibilità di vederli varia a seconda della stagione e dell’orario, in più questi animali, a differenza dei delfini di mare, non sono grandi saltatori.

Un delfino di fiume, o Inia
Un delfino di fiume, o Inia

Intorno a Kratie ci sono anche altre posti interessanti, come il Phnom Sombok situato tra Kratie e Kampi. Questo piccolo tempio immerso nella foresta rappresenta una tappa perfetta lungo la strada che porta ai delfini. Edificato su più livelli uniti da lunghe scale questo tempio ha la particolarità di avere una serie di dipinti a muro davvero bizzarri rappresentanti l’inferno che aspetta i non virtuosi, ad esempio chi eccede con la birra! Le statue sono perlopiù moderne, ma sono colorate e comunque interessanti facendo del tempio un luogo da visitare mentre si riposa dal viaggio.

Dipinto murale a Phnom Sombok
Dipinto murale a Phnom Sombok

Una volta Kratie era nota come tappa nella navigazione del Mekong, ma questo oggi non accade più. La costruzione di strade ha reso più semplice e veloce il percorso tra Stung Treng e Phnom Penh, trasformando le tratte fluviali in costose crociere. In ogni caso Kratie è una città che merita di essere vista, e vissuta con la stessa placida lentezza con la quale ci accoglie.

Annunci