Turkmenistan ed Azerbaijan: diplomazie per uscire dal tunnel

In quell’angolino di mondo cosi’ strategico per le sorti energetiche europee ferve l’attivita’ diplomatica. Turkmenistan e Azerbaijan sono due paesi accoomunati da un destino comune: quello di provare ad uscire dall’isolamento in cui una politica estera interessata quasi esclusivamente al massimo profitto ha relegato i due grandi produttori di gas. Entrambi i paesi non brillano certo per democrazia e trasparenza, e la corruzione continua ad essere una presenza viva, ma nonostante cio’ sono “corteggiati” da un occidente sempre piu’ bisogno di materie prime, e disposto anche a chiudere un occhio su rispetto dei diritti umani e difficolta’ di investimenti in loco. Tuttavia a gas e petrolio e’ interessata pure la Cina, che di occhi ne chiude anche due…

Il Turkmenistan sta lavorando alacremente per tentare di arrivare a trovare una soluzione relativa allo status del Caspio, mare o lago? Questione complessa che acuisce le tensioni tra i paesi rivieraschi, come nel caso dei contrasti tra Turkmenistan e Azerbaijan, che stanno mettendo a repentaglio i progetti europei per rifornrsi di combustibile dai giacimenti azeri e turkmeni. Asghabat ha creato una commissione interdipartimentale che si occupa del problema riunendosi con cadenza periodica, ed inoltre il Turkmenistan ha recentemente organizzato ed ospitato un forum dedicato al Caspio invitando tutti i paesi coinvolti.

Da segnalare inoltre la firma di accordi in vari campi, compreso il riciclaggio di denaro sporco, firmati tra il Presidente turkmeno Gurbanguly Berdimuhamedov e quello tagiko Emomali Rakhmon durante la visita di quest’ultimo nella capitale del Turkmenistan. La firma di tali accordi e’ interessante per via dei rapporti dei due paesi con i potenti vicini Russia e Cina: mentre il Turkmenistan ha sempre rifiutato di entrare in qualsivoglia organismo internazionale “a guida russa”, il Tagikistan si trova ancora profondamente legato a Mosca nonostante una crescente voglia di indipendenza, come dimostrato dalle recenti vicende legate al rinnovo del contratto d’affitto della base militare 201. Entrambi i paesi sono poi attirati dalle sirene cinesi e non e’ un caso che proprio il Tagikistan stia intraprendendo accordi con Pechino per la costruzione di una rete di pipeline che faranno pervenire in Cina il gas turkmeno. Che si stia creando in Asia Centrale una “rete di solidarieta’” per non restare intrappolati nei giochi geopolitici altrui?

Sul versante azero invece procedono a ritmo serrato le attivita’ di SOCAR, la compagnia energetica statale, che ha intrapreso gli studi per lo sfruttamento di nuovi giacimenti al largo delle coste dell’Azerbaijan, rendendo ancora piu’ evidente come la questione del Caspio necessiti di una risoluzione condivisa. Nel paese caucasico e’ stato inoltre nominato il nuovo referente locale del Fondo Monetario Internazionale: si tratta di Mr. Raja Almarzoqi, guardacaso un esperto di esportazioni di greggio, il che potrebbe facilitare i rapporti tra Baku ed il FMI. L’interesse occidentale verso l’Azerbaijan e’ dimostato anche dal nuovo fondo di 19,5 milioni di euro che l’Unione Europea ha stanziato per la “riforma delle istituzioni responsabili di giustizia e migrazione”, con l’obiettivo di favorire una maggiore mobilita’ della popolazione azera ed una riduzione delle diseguaglianze sociali. Ad ogni buon conto Baku ha intavolato anche discussioni per un accordi relativi alla cooperazione militare ed industriale con l’Indonesia.

In conclusione abbiamo a che fare con due paesi altamente inaffidabili che stanno diventando l’ago della bilancia della geopolitica energetica europea…

http://en.trend.az/capital/business/2058412.html
http://centralasiaonline.com/en_GB/articles/caii/newsbriefs/2012/08/23/newsbrief-07
http://en.trend.az/capital/business/2058305.html
http://en.trend.az/capital/energy/2058574.html
http://en.trend.az/news/politics/2058634.html
http://europa.eu/rapid/pressReleasesAction.do?reference=IP/12/910&format=HTML&aged=0&language=EN&guiLanguage=en
http://www.eastjournal.net/caspio-mare-lago-identita-geopolitica-definire/19616

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicita’. Non puo’ pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai senso della legge num. 62 del 7/3/2001. Ogni opinione espressa su questo sito e’ il punto di vista dell’autore espresso secondo l’articolo 21 della costituzione italiana “Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto ed ogni altro mezzo di diffusione”. Le mail con le quali inviate commenti verranno raccolte e trattate ai sensi dell’articolo 196/2003 sulla privacy. Le mail non verranno vendute a terzi.
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: