La coerenza prima di tutto: l’Ungheria ed il Nabucco

Si, no, forse. Questo in sostanza l’atteggiamento ungherese verso l’Unione Europea  e nello specifico verso la partecipazione al fulcro di tutti i progetti energetici dell’UE, ossia il Nabucco!

Come abbiamo scritto piu’ volte i dubbi relativamente a tale gasdotto sono tanti e notevoli, ma le ultime notizie sono davvero paradossali e fanno anche un po’ riflettere su quelli che sono i piani energetici dell’Unione Europea.

Il consorzio che gestisce il progetto ha recentemente comunicato ufficialmente che l’Ungheria e’ il primo paese coinvolto ad aver terminato la trafila burocratica relativa al progetto Nabucco; lo stesso Reinhard Mitschek, direttore capo del consorzio, ha dichiarato che cio’ rappresenta un sostanziale passo in avanti nel coinvolgimento dell’Ungheria nel progetto ed un concreto progresso per la realizzazione di Nabucco.

Peccato che il responsabile ungherese del consorzio, Gabor Bercsi, abbia dichiarato a sua volta che “adesso non resta che pensare alla costruzione del gasdotto e continuare la via per ottenere i permessi relativi”; la domanda sorge spontanea: ma prima di quali permessi si stava parlando?

Le stranezze non si fermano qui ma si fanno invece paradossali. Il primo paese ad avere ottenuto i permessi (quali?) per Nabucco e’ allo stesso tempo quello meno convinto della propria partecipazione al progetto!!!

Nesi mesi scorsi erano infatti circolate voci che il Premier magiaro Viktor Orban avrebbe imposto alla compagnia ungherese presente nel consorzio, la MOL, di rititarsi ed abbandonare il progetto. A tali presunte dichiarazioni l’Unione Europea non avrebbe ne’ smentito ne’ confermato, gettando nell’inquietudine gli investitori.

La posizione ungherese sembrava giustificata da diversi fattori: la volonta’ di eliminare una notevole voce di spesa dovuta al mancato progresso di Nabucco, un avvicinamento alla Russia ed al suo progetto South Stream nonche’ la ritorsione verso Bruxelles a seguito di procedimenti intrapresi dall’Unione Europea contro alcune leggi recentemente approvate dal Parlamento ungherese.

In ogni caso un’ennesima riprova del fatto che una politica energetica europea e’ pressoche’ inesistente, senza entrare nel merito dei complessi rapporti tra Germania e Nabucco.

Sorge spontanea un’ ultima domanda: ma se l’Ungheria e’ la prima tutti gli altri a che punto stanno?

http://informare.over-blog.it/article-la-guerra-del-gas-no-dell-ungheria-di-orban-al-progetto-nabucco-106241745.html

http://en.trend.az/capital/energy/2056096.html

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicita’. Non puo’ pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai senso della legge num. 62 del 7/3/2001. Ogni opinione espressa su questo sito e’ il punto di vista dell’autore espresso secondo l’articolo 21 della costituzione italiana “Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto ed ogni altro mezzo di diffusione”. Le mail con le quali inviate commenti verranno raccolte e trattate ai sensi dell’articolo 196/2003 sulla privacy. Le mail non verranno vendute a terzi.
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: