Ancora ENI: un po’ di Storia, Monti vola a Mosca e Pitruzzella vigila…

A seguito dell’interesse che le quattro righe sull’ENI hanno suscitato riprendiamo e approfondiamo il discorso.

Della “razionalizzazione” di ENI, si parlava dal 2007 allorche’ la Commissione Europea, a seguito di controlli risalenti all’anno precedente, avvio’ una procedura antitrust nei confronti della compagnia energetica italiana; La sanzione rischiava di essere pari al 10% del fatturato della societa’, ossia piu’ di 8 miliardi di euro. Le trattative sono andate per le lunghe e solo la guerra di Libia ha portato ad una soluzione. Infatti la gia’ citata chiusura di Greenstream ha profondamente inciso sui bilanci di ENI e non  sembra causale il fatto che la riapertura dell’importante gasdotto segua di circa un mese, ottobre 2011, la firma definitiva per la cessione delle quote ENI nelle pipeline delle quali parlavamo nel detto articolo.

Sta di fatto che la battaglia dell’Unione Europea contro ENI e’ di lunga data e dal 2007 ad oggi i Governi succedutisi in Italia hanno alternato provvedimenti per recepire le indicazioni della Commissione Europea a politiche di sostegno a ENI. In maniera davvero bipartisan… Si inserisce in quest’ottica anche la cessione del controllo di SNAM recentemente intrapresa da ENI in favore della, anche questa gia’ citata nel precedente articolo, Cassa di depositi e prestiti. Tale ente aveva gia’ rilevato le quote  relative al gasdotto TAG detenute da ENI.

La cessione di SNAM e’ stata per ENI un passo importante ma doloroso, come ribadito dall’amministratore delegato di ENI, Paolo Scaroni, ma che tuttavia ha portato nelle casse del colosso energetico circa 18 miliardi di euro. Ma quello che qui interessa sottolineare e’ il ruolo della Cassa depositi e prestiti, societa’ per azioni a capitale pubblico fondata nel 2003 che sta diventando il “fiore all’occhiello” della politica economica del Governo Monti. L’Ente e’ infatti attivissimo nell’acquisizione di partecipazioni in ex-compagnie di Stato come Fincantieri o Fintecna.

Il Governo Monti sta quindi aiutando ENI ad aggirare le maglie della burocrazia europea? Senza arrivare a dire che il Governo italiano ha fatto una scelta di campo sottolineiamo comunque l’importanza dell’acquisizione di SNAM ed il fatto che circa una settimana dopo tale operazione finanziaria Monti e’ volato a Mosca in compagnia di diversi esponenti di primo livello del mondo finanziario italiano tra cui, colpo di scena all’italiana, Paolo Scaroni!!! Della nutrita schiera non sara’ inutile evidenziare la presenza anche di Enrico Cucchiani, amministratore delegato di Banca Intesa San Paolo. Se aggiungiamo che il 30% del capitale della Cassa depositi e prestiti e’ controllato da fondazioni, soprattutto bancarie, il quadro si fa piu’ nitido.

Che “l’uomo del fondo monetario” stia traghettando il nostro paese verso Mosca? Domanda alla quale non tenteremo nemmeno di dare una risposta. Rimane il fatto che il Governo ed ENI si trovano sempre piu’ legati nel decidere il destino energetico italiano, venendo forse a mala pena sopportati dall’Unione Europea che ha accolto le modalita’ di cessione di SNAM come il male minore…

A vegliare su tutto cio’ c’e’ Giovanni Pitruzzella, presidente dell’Antitrust. Pitruzzella, paladino delle liberalizzazioni, ha gia’ dichiarato che prendera’ in seria analisi il nuovo assetto di SNAM ed i “legami anticompetitivi che dovessero instaurarsi tra le societa’ facenti capo a Cassa depositi e prestiti”. Come se non bastasse Pitruzzella ha espressamente dichiarato che in Italia servono piu’ liberalizzazioni, criticando la “timidezza” del Governo Monti e politiche piu’ “europee”, dimostrandosi un fiero avversario dei corporativismi.

Ma il Governo Monti vorra’ mettere sul mercato il capitale che la Cassa depositi e prestiti sta costruendo? Dimenticavo di dire che la Cassa depositi e prestiti e’ tra i primi azionisti di ENI, dei cui dividendi beneficia…

Qualche link in ordine sparso:

http://www.eurasia-rivista.org/fuoco-incrociato-contro-leni/510/

http://www.ilsole24ore.com/art/finanza-e-mercati/2012-07-17/1718-miliardi-cessione-snam-064234.shtml?uuid=AbsWy18F

http://www.dagospia.com/rubrica-3/politica/mejo-delliri-la-cassa-depositi-e-prestiti-diventato-il-braccio-armato-del-governo-per-39426.htm

http://www.ilsussidiario.net/News/Politica/2012/7/21/MONTI-IN-RUSSIA-Il-premier-vola-a-Mosca-Incontrera-Putin-e-gli-imprenditori-italiani/304699/

http://it.wikipedia.org/wiki/Cassa_depositi_e_prestiti

http://www.ilvelino.it/AGV/News/articolo.php?idArticolo=1608590

http://www.soldionline.it/network/politica-economica/monti-e-putin-rafforzano-le-relazioni-commerciali-tra-italia-e-russia.html

http://www.corriere.it/Primo_Piano/Economia/2007/05_Maggio/11/procedura_antitrust_eni.shtml

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicita’. Non puo’ pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai senso della legge num. 62 del 7/3/2001. Ogni opinione espressa su questo sito e’ il punto di vista dell’autore espresso secondo l’articolo 21 della costituzione italiana “Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto ed ogni altro mezzo di diffusione”. Le mail con le quali inviate commenti verranno raccolte e trattate ai sensi dell’articolo 196/2003 sulla privacy. Le mail non verranno vendute a terzi.
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: