La difficile situazione italiana

L’Italia puntava su ITGI per via della partecipazione di EDISON (prima che i francesi rilevassero le quote) e la bocciatura del progetto crea non pochi problemi. Come per tutti i paesi europei l’obiettivo e’ ridurre la dipendenza dal gas russo.

Inoltre il governo italiano deve fare i conti con ENI, partner di Gazprom in South Stream, nonche’ in progetti nel Mar Nero e nel Mar di Barents. South Stream e’ concorrente sia del Nabucco che del TAP, al momento unica soluzione alternativa al gas russo.

L’Italia deve quindi chiaramente indicare come vuole partecipare allo sfruttamento del giacimento azero di Shah Deniz, pena il rischio di ritrovarsi al freddo… 

http://www.europeanenergyreview.eu/site/pagina.php?id=3717

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicita’. Non puo’ pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai senso della legge num. 62 del 7/3/2001. Ogni opinione espressa su questo sito e’ il punto di vista dell’autore espresso secondo l’articolo 21 della costituzione italiana “Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto ed ogni altro mezzo di diffusione”. Le mail con le quali inviate commenti verranno raccolte e trattate ai sensi dell’articolo 196/2003 sulla privacy. Le mail non verranno vendute a terzi.
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: